Monterosa Collection: i pomodori preferiti dagli chef spagnoli (e presto anche italiani)

Segni particolari? Sono i pomodori preferiti degli chef spagnoli e anche i cuochi di casa nostra stanno imparando a conoscerli e apprezzarli. Parliamo di Monterosa Collection, il coloratissimo quartetto di pomodori Giallo, Orange, Rosa e Cioccolato che ha conquistato l’alta ristorazione iberica.

È il caso, ad esempio, di David Andrés

Tre volte finalista al prestigioso San Pellegrino Young Chef, la competizione internazionale che premia i giovani cuochi più talentuosi, oggi è alla guida del Ristorante Via Veneto di Barcellona.

«Di tutti gli ingredienti che usiamo in cucina, il pomodoro è sicuramente uno dei più interessanti e appassionanti», ha precisato lo chef Andrés. «Monterosa ha risvegliato la creatività di moltissimi professionisti del settore e lo sviluppo di una vera e propria collezione ha accresciuto notevolmente le possibilità di creare delle ricette gourmet. I colori, le texture, i sapori e la freschezza stimolano noi chef a dar vita a nuove preparazioni giocate sull’innovazione e sulla seduzione».

 

In particolare David Andrés ha realizzato tre ricette con i pomodori Monterosa.

Si tratta del Gazpacho de tomates, della Pizza vegetal e delle Ensaladas tutto sapore. Ciascuna mette in luce una particolare caratteristica della pregiata varietà, nata dall’unione del Pera di Girona e del Costoluto genovese.

 

Il Gazpacho de tomates rinnova con allegria il concetto stesso di gazpacho. L’uso delle quattro varietà cromatiche dona colore e vivacità all’entrée, garantendo al tempo stesso un valore nutrizionale più ricco grazie ai preziosi micronutrienti contenuti nella polpa e nella buccia.

 

 

La Pizza vegetal, invece, rivisita il concetto di pizza vegetariana e sottolinea la capacità di Monterosa di mantenere il colore e le caratteristiche estetiche anche dopo la cottura, permettendo di realizzare creazioni da mangiare prima di tutto con gli occhi.

 

 

L’Ensaladas tutto sapore, infine, sottolinea la natura di pomodoro insalataro di Monterosa. Giallo, Orange, Rosa e Cioccolato sono ottimi da assaporare freschi, in accompagnamento alle altre verdure dell’orto. Il mix permette di cogliere le varie sfumature di gusto, boccone dopo boccone. Anche in questo caso le diverse nuances garantiscono piatti davvero accattivanti nella composizione.

Ma il Ristorante Via Veneto di David Andres non è l’unico ad aver selezionato Monterosa Collection per il proprio menu.

Questa varietà figura in numerose altre insegne di alto profilo. Restando a Barcellona, il Restaurant Pelai propone Tomate Monterosa con Anchoas del Cantabrico (l’accoppiata pomodoro e acciughe del Cantabrico all’ennesima potenza). All’Hotel Resorts Catalonia gli ospiti hanno potuto assaggiare la Ensalate de Tomate Monterosa con Ventresca de Atun y Cebolla Morada (una golosa creazione a base di Monterosa, ventresca di tonno e cipolla viola) mentre al Reial Club de Tennis il richiamo è alla caprese con l’Ensalada de burrada, rucula, tomate Monterosa y pesto (burrata, rucola, Monterosa e pesto). L’elenco è ancora lungo e presto alle tante insegne spagnole si aggiungeranno quelle del nostro Paese, dove Monterosa ha deciso di espandere la sua presenza.

Jessica Bordoni
Jessica Bordoni

Milanese, laureata in Lettere e Comunicazione all’Università degli Studi di Milano, giornalista professionista dal 2015. È sommelier e fa parte del Vivier du Champagne promosso dal Bureau Champagne Italia. Dal 2008 scrive per Civiltà del bere, storica rivista del vino italiano. Nel 2016 ha iniziato a collaborare anche con il quotidiano Il Giornale, occupandosi delle pagine milanesi di enogastronomia.

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.

info@myfruit.it
Via Prov.le Vignola Sassuolo, 315/1
41057 Spilamberto, Mo, Italy
+39 059 7863866

 

  

 

fruitgourmet è una creazione di myfruit.it

Disclaimer - Pubblicità - Cookie Policy - Privacy Policy

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!

Se hai perso quelle precedenti, clicca qui