Confettura di verdura, se non ora quando

confettura di verdura

Tempo d’estate, tempo di confettura di verdura. Sappiamo che suona strano, ma sono deliziose, e basta farne una per prenderci gusto. Un po’ come le confetture di fiori, di cui vi abbiamo parlato qualche settimana fa: sono meno note, ma non per questo meno buone. La bella stagione, poi, è proprio il momento migliore per prepararle. Gli ortaggi estivi sono tantissimi e uno più aromatico dell’altro: dal basilico al pomodoro, ma anche menta, rucola, zucchine, melanzane, carote, cipolle e peperoni. Tutto fa brodo, anzi, no, confettura.  

Da provare alle carote

Che gli alimenti di colore arancione favoriscano l’abbronzatura, lo sanno anche i bambini. Allora perché non iniziare la giornata con una bella marmellata di carote, al posto della solita confettura di fragole o frutti di bosco? La carota ha una naturale dolcezza e non contiene una percentuale d’acqua molto elevata, due caratteristiche che la rendono perfetta per trasformarsi in una confettura di verdure. Per 500 grammi di carote potete considerare 250 grammi di zucchero. Se volete un sentore più agrumato, aggiungete anche la scorza di due limoni, mentre per dare rotondità unite un po’ di vaniglia. Avete presente la camilla, quella merendina confezionata che andava per la maggiore negli anni Novanta? Ecco, il profumo della confettura di carote è esattamente quello.

Marmellata di cipolle

 

Un’altra confettura di verdura che vi stupirà è quella a base di cipolle. Qui entriamo nel mondo dell’agrodolce e, più che a colazione (da evitare più che altro per non stendere i colleghi), il consiglio è di abbinarla a un tagliere di formaggi o a un crostino di pane integrale velato di burro. Se siete dei veri gourmet non potrete fare a meno di utilizzare la cipolla rossa di Tropea, intensamente aromatica. Se però è la prima volta che vi cimentate in questo tipo di preparazioni e temete di strafare, partite con una classica cipolla bianca, tra tutte è la più neutra. In questo caso, per arricchire il gusto, potete sostituire un po’ di zucchero raffinato con quello di canna.

Pomodoro, non solo salsa

Quando si pensa alle conserve di pomodoro, la prima cosa che viene in mente è la classica salsa. La differenza tra quest’ultima e la confettura di pomodoro sta tutta nella presenza dello zucchero, che dona una nota agrodolce alla ricetta. Anche in questo caso il limone si rivela un ingrediente utile perché apporta freschezza e vivacità. Tra le variazioni sul tema più apprezzate c’è anche l’aggiunta della mela, per arrotondare il gusto, e dello zenzero, che dà un tocco zesty.  Il Cucchiaio d’argento propone anche ricetta della confettura di pomodori verdi, più asprigni di quelli rossi.

Melanzane con le spezie

E se al posto di una crostata alle arance decideste di cucinarne una alle melanzane? Potrebbe diventare la torta dell’estate! La confettura di melanzane ha un gusto delicato, che può essere arricchito con qualche spezia dolce, come la cannella, il cardamomo o l’anice stellato. Se avete origini campane, vi sarà capitato di assaggiare un dolce tipico della costiera amalfitana: le melanzane al cioccolato. In effetti l’accoppiata è davvero intrigante. Ecco allora la nostra provocazione: farcite la Sachertorte con una confettura di melanzane anziché di albicocche. Potreste non voler più tornare all’originale.

 

 

Jessica Bordoni
Jessica Bordoni

Milanese, laureata in Lettere e Comunicazione all’Università degli Studi di Milano, giornalista professionista dal 2015. È sommelier e fa parte del Vivier du Champagne promosso dal Bureau Champagne Italia. Dal 2008 scrive per Civiltà del bere, storica rivista del vino italiano. Nel 2016 ha iniziato a collaborare anche con il quotidiano Il Giornale, occupandosi delle pagine milanesi di enogastronomia.

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.